Music etc.

5 Pezzi Facili con MaxMSP- 3: Rythmdist

Eccoci alla terza puntata dei 5 pezzi facili: piccole patch di MaxMSP che utilizzano tecniche particolari di sintesi e/o di elaborazione del suono. Maggiori dettagli li trovate alla prima puntata della serie.

Per prima cosa vediamo un’immagine della patch di oggi:

Si tratta di un suono campionato, filtrato, distorto, ritardato e con un feedback modulato in ampiezza (il tutto realizzato con 15 oggetti che gestiscono i segnali, più i vari number box etc.).

Le possibilità di variazione sonora di questa patch sono molte (considerando le sue dimensioni), e ho preparato diversi preset di esempio.

Ecco la registrazione degli esempi (4 battute per ogni preset):

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Content available only after cookie acceptation

Se volete potete scaricare il file mp3 qui.

E per finire ecco la patch (è un file zippato che contiene anche il suono campionato)

Questa patch sfrutta un distorsore (overdrive~) per un segnale (un loop di batteria) che viene filtrato prima e dopo la distorsione da due filtri passa-basso. Il segnale filtrato viene poi ritardato dalla coppia tapin~/tapout~, a cui viene aggiunto un feedback (parte destra della patch).

Il segnale di feedback a sua volta viene modulato in ampiezza da una sinusoide (cycle~) la cui frequenza è un multiplo della durata del loop di batteria.

Spieghiamo meglio quest’ultimo passaggio. L’uscita di destra di groove~ (in alto) produce un segnale che va da 0 a 1 nel tempo in cui un loop viene eseguito una volta: è come se all’interno di groove~ ci fosse un phasor~ che va alla stessa frequenza del loop. Questa rampa viene mandata all’oggetto rate~ che è a sua volta un generatore di rampe da 0 a 1 che si sincronizzano con la rampa ricevuta. Il valore che viene passato all’ingresso di destra di rate~ stabilisce quante rampe deve generare l’oggetto per ogni rampa che riceve, ed in sincrono con questa. Nella figura quindi l’oggetto rate~ genera 12 rampe ogni volta che groove~ gliene manda una, ciascuna delle quali dura quindi 1/12 del loop di batteria. Le rampe generate da rate~ servono per variare la fase dell’oggetto cycle~: quest’ultimo produce quindi 12 sinusoidi (o meglio cosinusoidi) per ogni loop del suono campionato. Le sinusoidi prodotte da cycle~ modulano in ampiezza, e perfettamente in sync, il segnale di feedback.

Per finire, notate che al canale destro viene inviato il suono ritardato, mentre al sinistro il suono diretto (anche se filtrato e distorto). Questo aggiunge profondità pseudo-stereofonica all’effetto. Al segnale elaborato viene inoltre aggiunto il segnale dry.

Variando la frequenza di taglio e il fattore Q dei filtri, il fattore di distorsione di overdrive~, il tempo di ritardo, il valore del feedback e il numero di rampe prodotto da rate~ è possibile ottenere una serie di effetti diversi.

Possibili variazioni:

–       sostituire i filtri passa-basso (uno solo o entrambi) con dei passa-banda, passa-alto etc.

–       modificare la forma d’onda del modulatore (invece che una sinusoide, un’onda quadra o a dente di sega, magari con l’aggiunta di un filtro per evitare i click)

–       Variare il tempo di delay tramite lo stesso modulatore del feedback (opportunamente riscalato) o un altro modulatore indipendente

–       etc. etc. etc.

Come al solito vi invito a pubblicare sul forum di virtual-sound le vostre patch e le vostre variazioni.

Anche per oggi ho finito. La prossima volta: microsuoni.

5 PEZZI FACILI – INDICE:

1 – Swarm

2 – Boiler

3 – Rythmic Distortion

4 – Microsound

5 – Glitch Machine

1 Comment

  1. March 16, 2010    

    imparato molto

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>